play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • cover play_arrow

    Live

play_arrow

L'Ora Illegale

L’Ora Illegale #74

micAlex - Mungotoday16/11/2023 38 4

Sfondo
  • cover play_arrow

    L’Ora Illegale #74 Alex - Mungo


Giovedì 16 novembre.
Secondo appuntamento con le etichette indipendenti inglesi di inizio anno ’80. Oggi sotto i riflettori la Clay di Stoke-on-Trent. Ancora profonda provincia inglese, ancora devastazione sociale urbana e ancora devastazione sonora. Etichetta per eccellenza con, tra gli altri, Discharge e GBH in scuderia (non c’è punk sulla terra che non conosca i loro dischi), ha portato alla ribalta il suono furioso e brutale dell’HC britannico diventando e dando di fatto, per tutti quegli anni e anche dopo, il modello sonoro e “d’immagine riferimento” per chiunque volesse correre la corsa del punk. Suoni pesanti, sferraglianti e voci rabbiose, ripresi negli anni da decine di band in tutto il mondo. Oltre i due giganti, tutt’ora arruolati, la Clay Records emerse come punto di riferimento anche di produzioni metal facendo uscire vari lavori dei Demon (band troppo spesso sottovalutata) e degli Abrasive Wheels del loro periodo metallaro. Con alti e bassi sopravvisse fino a metà degli anni 90, per poi ridimensionarsi, prima sotto Trojan, e successivamente come Sanctuary e BMG. Oltre ai citati Discharge, Abrasive Wheels, Demon e GBH sono usciti nel catalogo Clay: Zanti Misfitz, Play Dead, Sex Gang Children, Lurkers, Killjoys, English Dogs e altri…

L'ora illegale puntata 74


L'Ora Illegale

0%