play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • cover play_arrow

    Live

Roby Vaio Bio
Dj

Roby Vaio

Sfondo

Radio Maria Maddalena

Lunedì 12 febbraio. Replica Puntata 43 del 08/01/24 Radio Maria Maddalena è una sana democrazia fra parte destra e sinistra del cervello, fra passato e futuro, con fermo immagine sul presente. Due ore di radio che puzzano come zombie morti di vecchiaia e squagliati nelle fogne di Gardaland. Psicoattiva come la nicotina nonostante si assume per via auricolare. Il tutto a cura di Roberto Vaio, spesso e volentieri in compagnia […]



Roby Vaio Bio

Roberto Vaio comincia le sue sperimentazioni artistiche a partire dalla fine degli anni 80. Conosce l’agitatrice culturale bolognese Helena Velena e viene subito inserito nel contesto della prima fiera nazionale dell’erotismo “Erotica” che portò alla luce nuove realtà come internet, ciber sex, transgenderismo e altre più particolari come fetish e Bdsm. Contemporaneamente viene scoperto dalla Contessa Pinina Garavaglia, entrando subito a far parte del circuito “Vanitas”, e resterà per sempre in questo selezionatissimo gruppo capitanato dalla Contessa milanese.
Dalla fine degli anni novanta comincia la sua esperienza radiofonica sulle frequenze storiche di Radio Flash Popolare Network e proprio in quel contesto darà vita a format bizzarri e provocatori, anticipatori di quelle atmosfere entrate a far parte dell’attualità definita dalla rete. Verso la metà degli anni duemila entra nel mondo dell’arte contemporanea come curatore di mostre e critico indipendente, grazie a un importante progetto legato alla riqualificazione dei quartieri periferici patrocinato dalla Regione Piemonte. Parallelamente alla radio organizza una serie di mostre che vedono come protagonisti artisti di fama nazionale e internazionale.
Attualmente, sfruttando l’immobilità generale causata dallo stato di pandemia, ha dato vita a un format pittorico denominato “Don Chuck” , uno dei primi e pochissimi esponenti del nuovo Manifesto dell’Arte Attuale.


Dj

0%